MISS ITALIA. MITI E LEGGENDE DELL’ERA DELLE MISS.

Miss Italia.
Miti e leggende dell’era delle miss.

a cura di Renato Corsini

 

Miss Italia, prima ancora di essere un concorso di bellezza nazionale, prima ancora di essere la puntuale rappresentazione dell’evolversi dell’estetica femminile, prima ancora di essere fertile terreno per la ricerca di nuove proposte cinematografiche e televisive, è un fatto di costume che accompagna gli italiani da più di 70 anni. È ormai entrata nell’immaginario collettivo come il Festival di Sanremo o il Giro d’ Italia. Si è insinuata, soprattutto ai suoi esordi, nella mente degli italiani che vi vedevano e cercavano la ragazza per bene, la fidanzata o la vicina della porta accanto alla quale era concessa la straordinaria occasione di uscire dal quotidiano anonimato. Per le aspiranti Miss era il sogno da rincorrere, la felicità a portata di mano, il miraggio del cinema e della notorietà e il traguardo che pareva vero e raggiungibile.

La rappresentazione fotografica del concorso è sempre stata quella ufficiale, quella della finale e degli scatti in posa, quella, per intenderci, destinata ai rotocalchi o alle dirette televisive.

Questa mostra vuole invece indagare dietro le quinte, scoprirne i retroscena e le aspirazioni. Dalla documentazione del rito della misura seno-vita- fianchi, abolito a partire dal 1955, all’ammissione delle donne sposate e di colore, dalle estenuanti prove collettive alla singola passerella, dai momenti privati delle partecipanti al contorno organizzativo, due grandi maestri della fotografia italiana, Federico Patellani e Gianni Berengo Gardin, insieme alle immagini della famosa agenzia Dufoto ce ne raccontano i miti e leggende.

Renato Corsini

 

Galleria Civica Palazzo Todeschini (Desenzano del Garda),
dall’11 maggio al 28 luglio.