Il Festival al cinema

Al Nuovo Eden e al Giardino dell’Eden 4 titoli per una rassegna unica, dedicata alla seconda edizione del festival che celebra la fotografia in città

BRESCIA PHOTO FESTIVAL. AL CINEMA.

Tra film in prima visione e capolavori della Storia del Cinema, con un focus sul direttore della fotografia Carlo Di Palma

 

La seconda edizione del Brescia Photo Festival approda anche sul grande schermo del Cinema Nuovo Eden e in Castello, nella straordinaria cornice dell’arena estiva del Giardino dell’Eden. La rassegna Brescia Photo Festival. Al cinema – composta da 4 titoli, 1 al mese per tutta la durata della manifestazione – si contraddistingue per una proposta di qualità e spazia dal tema principale della manifestazione – “Collections” – all’approfondimento della figura del direttore della fotografia al cinema, colui che “scrivendo con la luce” contribuisce a restituire l’atmosfera visiva del film, lavorando a stretto contatto con il regista. In particolare, nella rassegna si è deciso di ideare un focus su Carlo Di Palma, direttore della fotografia di fama internazionale che ha contribuito a rendere grande il cinema italiano nel mondo.

La rassegna si aprirà mercoledì 23 maggio alle 21 con DAWSON CITY – IL TEMPO TRA I GHIACCI di Bill Morrison; in Prima Visione per Brescia, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, il documentario – connesso al tema “Collections” – racconta la storia vera quanto bizzarra di una collezione di 533 film databili tra gli anni Dieci e Venti del ‘900, considerati perduti fino al loro casuale e rocambolesco ritrovamento. Proprio grazie al recupero di frammenti di pellicole e testimonianze fotografiche viene ricostruita la storia della città di Dawson, in Canada.

Secondo appuntamento con un’altra Prima Visione bresciana per mercoledì 27 giugno alle 21, ACQUA E ZUCCHERO – CARLO DI PALMA: I COLORI DELLA VITA di Fariborz Kamkari – pluripremiato documentario anch’esso presentato a Venezia e al Toronto Film Festival – sull’attività di Carlo Di Palma: non solo il racconto della vita artistica del grande direttore della fotografia, ma un intrigante itinerario tra le immagini dei film a cui egli ha collaborato, dal neorealismo alla commedia all’italiana, ai capolavori internazionali che hanno segnato la storia della cinematografia mondiale.

Il terzo e il quarto appuntamento sarà sotto le stelle, sulle sdraio animalier del Giardino dell’Eden: due capolavori della storia del cinema nella loro versione restaurata dalla Cineteca di Bologna e “fotografati” da Carlo Di Palma saranno i protagonisti sul Colle Cidneo. Mercoledì 25 luglio alle 21 sarà la volta di BLOW UP di Michelangelo Antonioni (1966), che partendo dalle vicende di un fotografo di moda inglese, riflette sulle possibilità dello sguardo fotografico e sui limiti dello sguardo umano. La rassegna si chiuderà mercoledì 22 agosto alle 21 con L’ARMATA BRANCALEONE di Mario Monicelli, gioiello della commedia all’italiana interpretato da Vittorio Gassman e Gian Maria Volonté, simpatici perdenti in un’intelligente parodia del grande affresco medievale di stile hollywoodiano.

La rassegna Brescia Photo Festival. Al Cinema si presenta quindi come un’occasione cinefila unica, per scoprire e riscoprire il fascino della fotografia al cinema.

 

INFORMAZIONI,PROGRAMMA, SINOSSI E CREDITS

CARLO DI PALMA
Direttore della fotografia (Roma 17 aprile 1925 – Roma 9 luglio 2004). Insieme a Gianni Di Venanzo e Pasqualino De Santis fu uno dei protagonisti della rivoluzione dell’illuminazione cinematografica, effettuata mediante il ricorso alla luce riflessa e diffusa, ottenuta con lampade photo-flood. Negli anni Sessanta portò alle sue estreme conseguenze tale ricerca, soprattutto nel campo del colore, sfruttando l’uso delle lampade al quarzo. Grazie alla sua sensibilità nel trattamento dei mezzi toni di colore, si è guadagnato la fama di essere uno dei più raffinati interpreti della fotografia cinematografica del dopoguerra. Dotato di un istintivo talento per la manipolazione della luce naturale, è tra i pochi direttori della fotografia capaci di filtrare la temperatura-colore direttamente in fase di riprese. Ha fornito un contributo decisivo a un’opera memorabile dal punto di vista figurativo come Deserto rosso (1964) di Michelangelo Antonioni. Con questo film e con L’armata Brancaleone (1966) di Mario Monicelli ha vinto due Nastri d’argento; ne ha ottenuti altri due nel corso degli anni Novanta per il raffinato bianco e nero di Shadows and fog (1992; Ombre e nebbia) e per Mighty Aphrodite (1995; La dea dell’amore), entrambi di Woody Allen.

MERCOLEDÌ 23 MAGGIO, ore 21, Cinema Nuovo Eden
DAWSON CITY – Il tempo tra i ghiacci
di Bill Morrison. Documentario. Usa 2016. Durata 120’.
Dawson City, Yukon, Canada. Tra la fine dell’Ottocento e gli anni Venti, ultimo avamposto della civiltà yankee (in preda alla febbre dell’oro), al di là un deserto gelato, dove nacquero molte fortune americane. C’è un cinema e i film arrivano, con anni di ritardo; poi però rispedire indietro le pellicole è troppo costoso. A fine anni Settanta, scavi in quello che era stato un campo da hockey ne riportano alla luce un piccolo giacimento, preservato nel ghiaccio. In molti casi, si tratta di film dati per perduti. Bill Morrison usa il found footage per montare una “travolgente ballata sugli anni della corsa all’oro, fatta di newsreel, comiche e melodrammi; il suo discorso stabilisce un parallelo tra gli anni pionieristici del cinema e l’insediamento americano nella sua più remota frontiera” (Sophie Mayer). Presentato a Venezia, dove ha suscitato stupore ed emozione, il film di Morrison reca il valore aggiunto della sua storia: come se le persone sullo schermo si fossero appena svegliate da un lungo sonno nel ghiaccio, fantasmi convocati a narrare la propria lontana avventura, parte della storia americana del Ventesimo secolo. Con il valore aggiunto e decisivo dell’enigmatica colonna sonora di Alex Somers (collaboratore della band islandese Sigur Rós).

MERCOLEDÌ 27 GIUGNO, ore 21, Cinema Nuovo Eden
ACQUA E ZUCCHERO – CARLO DI PALMA: I COLORI DELLA VITA
di Fariborz Kamkari. Documentario. Italia 2016. Durata 90’.
Il film-documentario non è solo il racconto della vita artistica di Carlo di Palma, ma é un vero e proprio percorso all’interno del cinema attraverso più di cento film ai quali ha collaborato: dal neorealismo di Visconti, De Sica, Rossellini alla commedia all’italiana di Monicelli, Scola, Germi, ai capolavori che hanno segnato la storia della cinematografia mondiale come “Deserto Rosso” e “Blow Up”, alla lunga collaborazione con Woody Allen.

MERCOLEDÌ 25 LUGLIO, ore 21, Giardino dell’Eden
BLOW UP
di Michelangelo Antonioni. Drammatico. Con David Hemmings, Vanessa Redgrave, Sarah Miles, Peter Bowles, Jane Birkin. GB 1966. Durata 112’.
Il primo film in lingua inglese di Michelangelo Antonioni, tratto da un racconto di Cortázar. La swinging London, magnificamente esaltata dalle invenzioni cromatiche di Carlo di Palma, le mode giovanili, la musica e la contestazione, servono ad Antonioni per mettere in scena l’avventura di uno sguardo. Una fotografia scattata per caso rivela, ingrandita, le presunte tracce di un delitto. E l’incapacità dell’uomo contemporaneo, e dell’artista, di far presa sul reale.
Restaurato da Cineteca di Bologna, Istituto Luce – Cinecittà e Criterion, in collaborazione con Warner Bros. e Park Circus presso i laboratori Criterion e L’Immagine Ritrovata, con la supervisione del direttore della fotografia Luca Bigazzi.
In versione originale con sottotitoli in italiano.

MERCOLEDÌ 22 AGOSTO, ore 21, Giardino dell’Eden
di Mario Monicelli. Con Vittorio Gassman, Catherine Spaak, Gian Maria Volonté, Enrico Maria Salerno, Maria Grazia Buccella Italia, Francia 1966. Durata 120’
Un cavaliere in viaggio per prendere possesso del feudo di Aurocastro, viene assalito dai briganti che dopo averlo sopraffatto lo gettano in un fosso. Un membro della banda, avendo trovato la pergamena che attesta l’investitura del feudo, convince l’amico Brancaleone a sostituirsi al cavaliere. Brancaleone si mette al comando dei briganti ma lungo il percorso per Aurocastro incappa in diverse avventure: l’incontro con Teofilatto ed i suoi bizantini, l’occupazione e la fuga da una città in preda alla peste, il salvataggio di una stravagante promessa sposa. Giunta infine al feudo, l’armata viene assalita dai Saraceni ma è salvata dai guerrieri comandati dal cavaliere che era stato aggredito dalla banda. Per Brancaleone ed i suoi uomini non resta che partire per una Crociata in Palestina. Uno dei più grandi successi del cinema italiano del dopoguerra, un’idea divertentissima realizzata con grandissima ironia da un terzetto di sceneggiatori che ci hanno regalato diversi capolavori. (Mario Monicelli, anche regista, Agenore Incrocci, in arte Age, e Furio Scarpelli).
Carlo Di Palma è stato premiato con il Nastro d’Argento.
Versione restaurata dalla Cineteca di Bologna.

PREZZI

Biglietto unico: € 4

Per le proiezioni al Nuovo Eden:
prenotazioni e prevendite: www.nuovoeden.it > ACQUISTO BIGLIETTI
prenotazioni: call center tel. 199208002 (dalle 10 alle 21, tutti i giorni)

I biglietti per gli spettacoli al Giardino dell’Eden sono acquistabili la sera stessa della proiezione.
Apertura biglietteria ore 20,30.

LUOGHI

Cinema Nuovo Eden: via Nino Bixio, 9, Brescia
Giardino dell’Eden: Castello di Brescia, Area ex-Zoo, Brescia

PER INFORMAZIONI:

Tel. 0308379404
info@nuovoeden.it
www.nuovoeden.it
Facebook: cinemaNuovoEden
Instagram: nuovo_eden
Ufficio Stampa Nuovo Eden: Caterina Rossi rossi@bresciamusei.com ufficiostampa@nuovoeden.it
NUOVO EDEN – Via Nino Bixio 9 – 25122 Brescia