Le cattedrali del lavoro

fotografie di Matteo e Stefano Rodella (BAMSphoto)

a cura di Renato Corsini e Paolo Conforti

Fino a qualche anno fa erano semplicemente fabbriche dismesse, luoghi del lavoro dal retrogusto un po’ malinconico dove regnava lo stridore tra il silenzio dell’attività interrotta e i rumori di una volta. Erano opifici che, perdendo la loro vocazione produttiva, avevano anche cancellato il legame che si era creato con il luogo di residenza, incidendo pesantemente sulla vocazione di un territorio. La loro rivalutazione, passata attraverso il concetto di “archeologia industriale”, ha tracciato nuovi percorsi all’interno di un sistema, anche culturale, che intende recuperare momenti di conoscenza e di memoria.

Quei “relitti”, oggi, sono in grado di raccontarci, attraverso il “presente”, un passato” di grandi cambiamenti e di trasformazione nel mondo del lavoro. Costituiscono un “patrimonio” sul quale è necessario investire anche in termini di “turismo industriale” come strumento di rinnovato approccio ai passati meccanismi produttivi.
La mostra “Le cattedrali del lavoro”, grazie alle 50 fotografie tratte dal pregevole lavoro fotografico dell’agenzia BAMS, documenta alcuni tra gli esempi più rappresentativi dell’archeologia industriale bresciana.

Biografia

BAMSphoto nasce come studio fotografico a Montichiari (Brescia) ne 1978, per iniziativa del fotografo Basilio Rodella, accompagnato nel corso degli anni dalla moglie Alessandra Tosoni e dai due figli Matteo e Stefano. In oltre 30 anni di scatti BAMSphoto ha raccolto 750.000 immagini. Un patrimonio inestimabile, che cresce ogni anno a seguito di servizi fotografici eseguiti su commissione e reportage realizzati di propria iniziativa.

Esplora la mostra

Ma.Co.f – Centro della fotografia italiana
T. 345 5447029
info@macof.it
www.macof.it

Ufficio Stampa
CLP Relazioni Pubbliche
Clara Cervia | T. 02 36755700
clara.cervia@clp1968.it
www.clp1968.it

8 Maggio 2021 — 13 Giugno 2021
08:45 — 09:45

Spazio Contemporanea

Did you like this? Share it!